logo
Newsletter ANCEFERR N. 04 - 21 dicembre 2020 
In questo numero:
 
In primo piano
  • MIT: ponti e viadotti, via libera con decreto alle linee guida per la gestione del rischio, procedure declinate per strade ma valide anche per ferrovie https://bit.ly/2J5UBrU
  • Nomine RFI e Trenitalia: gli auguri di Anceferr ai nuovi vertici, “Pronti a vincere la sfida della sicurezza” https://bit.ly/3hcndfP
  • Riparare e prevenire, nuovo cantiere sul sito Anceferr: gli interventi di Mattia Costruzioni Srl https://bit.ly/3mvjwCW
  • Recovery Fund: stallo sulla governance, Italia ultima nella presentazione del Piano in UE. 27,7 miliardi destinati a infrastrutture per la mobilità sostenibile
 
Sommario

Dal Governo

In Parlamento

Anac

Calendario

 
Dal Governo

MIT - ponti e viadotti: via libera con decreto firmato dal ministro De Micheli alle linee guida per la gestione del rischio, procedure declinate per strade ma valide anche per ferrovie.

Un vademecum per il controllo delle condizioni strutturali di ponti e viadotti, cavalcavia e opere similari, esistenti lungo strade statali o autostrade gestite da Anas o dai concessionari autostradali. Questo il contenuto delle linee guida sui ponti e viadotti elaborate e approvate dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici a maggio scorso, recepite venerdì scorso con un decreto firmato dal ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli e che sono ora operative in tutto il territorio italiano. Il documento si applica, nei principi e nelle regole generali, sia ai ponti stradali esistenti che a quelli ferroviari ma, ferma restando questa valenza generale, declina i dettagli operativi nel caso dei ponti stradali. Con lo scopo di "prevenire livelli inadeguati di danno" e di rendere accettabile il rischio, la procedura si articola in tre fasi, ovvero il censimento e la classificazione del rischio, la verifica della sicurezza e la sorveglianza e monitoraggio dei ponti e dei viadotti. Leggi tutto

Recovery Fund: stallo sulla governance, Italia ultima nella presentazione del Piano in UE. 27,7 miliardi destinati a infrastrutture per la mobilità sostenibile

Stallo nel Governo sulla decisione in merito alla governance del Piano nazionale ripresa e resilienza (Pnnr), strumento che contiene i progetti per investire le risorse messe in campo dall’UE attraverso il Recovery fund. Nel Piano italiano, ancora non consegnato ufficialmente alla Commissione europea al contrario di quanto avvenuto per tutti gli altri Stati membri, non sono previste risorse specifiche per la manutenzione ferroviaria. Leggi tutto

 
In Parlamento

 Manovra, bocciati gli emendamenti sulla manutenzione ferroviaria delle reti regionali

La manutenzione ferroviaria rimane fuori dalla legge di Bilancio per il prossimo anno: si è concluso in commissione Bilancio della Camera l'esame degli ultimi emendamenti sul tema che erano stati ammessi ai voti: ritirate le modifiche presentate da Italia Viva, respinte le due proposte identiche della Lega. Avrebbero istituito presso il MEF un apposito fondo (che attingeva dalla manovra dello scorso anno) da ripartire, con una dotazione di 10 milioni di euro per il 2021, di 20 milioni di euro per il 2022, di 30 milioni di euro dal 2023 fino all’esercizio 2034, per assicurare gli investimenti per la messa in sicurezza, l'efficientamento e lo sviluppo delle reti ferroviarie regionali. Leggi tutto

Audizione Ance su salario minimo: favorevole solo per settori senza CCNL

L’introduzione di un salario minimo legale dovrebbe riferirsi esclusivamente a quei settori attualmente non coperti dalla contrattazione collettiva, per evitare ogni forma di dumping contrattuale. Lo ha affermato il vicepresidente di Ance Marco Garantola in audizione in commissione Politiche UE del Senato lunedì 14 dicembre in merito alla proposta di direttiva europea sul salario minimo adeguato. Da non applicare dunque all’edilizia: settore dove il rispetto delle norme è soddisfatto dalle parti sociali con i CCNL che garantiscono ai lavoratori trattamenti economici coerenti e in linea con l’andamento economico e produttivo delle imprese.

Qui il documento depositato da Ance: https://bit.ly/3nBa6He

 
Anac

Appalti, parere Anac a Governo e Parlamento: giudice che autorizza impresa in concordato a partecipare a nuove gare può chiedere parere ad Agenzia anticorruzione

Riconoscere al giudice delegato, che autorizza un’impresa che si trova in concordato a partecipare a nuove gare o a stipulare un contratto di subappalto, la facoltà di chiedere un parere ad ANAC nel caso in cui la documentazione presentata non garantisca la capacità dell’impresa stessa di portare a termine regolarmente l’affidamento. Questo è quanto suggerito dall’Agenzia nazionale anticorruzione in un parere espresso lo scorso 2 dicembre e reso noto il 16 dicembre con un comunicato stampa. (https://bit.ly/3h1afBl) Leggi tutto

 
Calendario

In Parlamento: La settimana dal 21 al 27 dicembre 2020

 

Camera

Aula
Martedì 22 inizia l'esame della legge di bilancio per il 2021 per proseguire il giorno successivo con l’approvazione del testo e la trasmissione al Senato per la seconda lettura.

 

Commissioni
La commissione Trasporti esamina lo schema di contratto di programma tra il ministero delle Infrastrutture, le Ferrovie dello Stato italiane e Tunnel Euralpin Lyon Turin (TELT) Sas per il finanziamento, la progettazione e la realizzazione della sezione transfrontaliera della parte comune della nuova linea ferroviaria Torino-Lione (atto n. 221).


 



Condividi questo articolo!
Pin It

Stampa   Email